Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La democrazia del Web

Immigrati criminalita1'

Si scrive immigrazione si legge razzismo. A riprova di come libertà di espressione e web – possono invece di essere promotori di spazi di discussione – trasformarsi in un' arma letale di chiusura e oscurantismo, al di fuori da ogni controllo.

E' quello che promette il sito “tuttiicriminidegliimmigrati.com”. Hanno le idee chiare loro: “Gli altri parlano di integrazione. Noi ve la mostreremo. Qui non troverete crimini commessi da giapponesi, ebrei o aborigeni per il semplice motivo che non ne esistono". Al contrario, "troverete quelli di cinesi, zingari e africani". La ragione? Per il semplice motivo che ne commettono tanti. Troppi, secondo i promotori.


Alla faccia di chi lavora per l'integrazione. Come hanno fatto? semplice e con poca fatica visto che si tratta di un news-aggregator: una sorta di bacheca in cui vengono quotidianamente ripresi gli articoli, apparsi sulla stampa italiana, in cui si raccontano fatti di cronaca nera che vedono protagonisti gli stranieri residenti in Italia. E la pagina web conta già 6.500 Like su Facebook, con tanto di condivisioni.

 

P.S. Solo qualche settimana fa i leghisti Borghezio e Bastoni avevano annunciato di voler creare un sito web anti-immigrati. Forse non ce n'è più bisogno. Il web è veloce. E c'è chi li ha già anticipati.