Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Rubygate: la strana integrazione di Karima el Marough

E’ il nuovo scoop del sito Repubblica.it. Ed è stato subito ripreso anche sui siti e i giornali del Marocco. Karima el Marough che parla al telefono con un’amica e con il padre in marocchino rivelando nuovi dettagli del caso che coinvolge l’ex presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi. Il titolo del sito di Repubblica non lascia dubbi: “Berlusconi mi ha detto che mi ricoprirà di soldi”. Titolo che compare dopo qualche ora anche sul sito marocchino alifpost.com.

Sono i giorni immediatamente seguenti l’inizio dello scandalo. Karima racconta alla sua amica, in perfetto italiano, che è su tutti i giornali e che i giornalisti la inseguono per intervistarla. Tra quei giornalisti c’è anche la sottoscritta, che si sta occupando per il Sole 24 Ore dello scandalo. La giovane Ruby risponde al telefono, si sfoga, spiega di essere frastornata, di aver bisogno di aiuto. E’ una telefonata molto umana. Che si conclude con un appuntamento il giorno dopo nel paesino della Liguria dove Karima risiede. Ma il giorno dopo Karima non si presenterà. Ora si capisce anche il perché: “Non parlare con i media e fingiti pazza”, le dice il premier. E lei esegue. Esegue e probabilmente incassa.

E’ interessante il ritratto che si compone sempre di più di questa ragazza-donna di origini marocchine. Figlia di immigrati, determinata, capace nel bene e nel male di apprendere rapidamente le leggi della sopravvivenza in un Paese che le è ostile. Che apprezza solo una cosa di lei: la bellezza. E lei la mette a frutto. Karima el Marough è una ragazza che si fa subito donna e mette alle spalle il suo mondo di provenienza: il padre, la sua religione, i suoi costumi. E’ tutta roba inutile per lei. Non cerca mai di essere capita e apprezzata per quella sua identità. Scommette subito sull’altra potenziale identità: ragazza bella e disponibile. Si fa italiana, a suo modo si integra. Sfrutta tutto quello che può avere. Diventa ricca alla fine. Ma forse perde tutto.

fonte: maroccoggi.it